Ali 2000 Onlus opera per sviluppare l'accesso all'acqua nell'area sub sahariana (Sahel) dell'Africa Occidentale ed in particolare in Mali colpito da gravissimi problemi di aridità, siccità, e carenza d'infrastrutture. L'associazione opera su base volontaria, i costi non hanno mai superato il 6% del bilancio annuale, i membri dell'associazione non percepiscono alcun compenso. Finora sono stati realizzati circa 57 punti d'acqua in Mali, 10 pozzi trivellati in Burkina Faso e 4 pozzi tradizionali in Togo.

Malgrado la situazione politico-militare ed il clima d'insicurezza creatosi in tutta l'area dal 2012, l'attività dell'associazione prosegue, anche se  rallentata,  e si svolge interamente nel Cercle di Bankass, nei comuni di Sokourà, Torì, Ouonkorò e Baye.

Nel 2017 sono stati portati a termine i pozzi di Diadssou, Worikandà e Djimintò. Nel maggio 2018 sono stati riabilitati i pozzi di Tounkanà e di Tiebataré.  Dopo la stagione delle piogge che sta per iniziare verranno messi in cantieri altri progetti.

Il sostegno all'associazione proviene esclusivamente da donazioni: persone ed aziende contribuiscono economicamente e/o con il proprio tempo partecipando alle attività di Alì 2000. 

JoomSpirit